La crepa dell’Olimpo

L’Adige scorreva lento, in una domenica di Dicembre, e i veronesi si godevano il sole fra i palazzi, mentre camminavano tranquilli in via Cappello. La folla procedeva borbottante tra i negozi e l’altezza delle case, nel centro della città, arginava

La crepa dell’Olimpo

L’Adige scorreva lento, in una domenica di Dicembre, e i veronesi si godevano il sole fra i palazzi, mentre camminavano tranquilli in via Cappello. La folla procedeva borbottante tra i negozi e l’altezza delle case, nel centro della città, arginava

Frammenti di primitività

Io sono uomo, in quanto bipede, in quanto cinico, in quanto sentimentale, in quanto investigatore del tutto. L’uomo è colui che cerca e risolve. Come non importa. Un cinico mi disse che l’amore è la scusa per la proliferazione; lo

Frammenti di primitività

Io sono uomo, in quanto bipede, in quanto cinico, in quanto sentimentale, in quanto investigatore del tutto. L’uomo è colui che cerca e risolve. Come non importa. Un cinico mi disse che l’amore è la scusa per la proliferazione; lo

Miraggi marginali

Nella piazza assolata erano seduti 3 uomini turchi. Le panchine sotto di loro erano state poste sotto i portici dell’edificio comunale. Da anni gli anziani del paese stavano lì a ciacherare del più e del meno. Ma nel meriggio erano

Miraggi marginali

Nella piazza assolata erano seduti 3 uomini turchi. Le panchine sotto di loro erano state poste sotto i portici dell’edificio comunale. Da anni gli anziani del paese stavano lì a ciacherare del più e del meno. Ma nel meriggio erano

Lettura

In un giardino nascosto tenevi in grembo un libro, piccolo e ingiallito, che leggevi attenta sotto un vecchio ciliegio. I suoi petali rosa svolazzavano nell’aria, ballando con l’orlo del tuo vestito leggero. La luce calda e dolce che s’infiltrava fra

Lettura

In un giardino nascosto tenevi in grembo un libro, piccolo e ingiallito, che leggevi attenta sotto un vecchio ciliegio. I suoi petali rosa svolazzavano nell’aria, ballando con l’orlo del tuo vestito leggero. La luce calda e dolce che s’infiltrava fra

Primavera

Crepita secca e si frantuma la foglia morta sotto le scarpe di un bambino con gli occhi blu. Gli artigli ramosi che si allungano nel cielo chiaro scrocchiano rumorosi e sembrano ritirarsi all’arrivo della brezza. Una vecchia ripone in un

Primavera

Crepita secca e si frantuma la foglia morta sotto le scarpe di un bambino con gli occhi blu. Gli artigli ramosi che si allungano nel cielo chiaro scrocchiano rumorosi e sembrano ritirarsi all’arrivo della brezza. Una vecchia ripone in un

Il faro

Si getta dai monti un vento gelido che vola sui campi e li erode. Si infiltra tra i cocci e i vetri vuoti sulla spiaggia piena di fantasmi. Si getta sugli scogli e sale sui muri, raggiungendo la cima di un faro,

Il faro

Si getta dai monti un vento gelido che vola sui campi e li erode. Si infiltra tra i cocci e i vetri vuoti sulla spiaggia piena di fantasmi. Si getta sugli scogli e sale sui muri, raggiungendo la cima di un faro,

Cartolina

Una barca nel porto; una schiera di ombrelloni; palazzi e condomini nuovi; un tramonto malinconico; un bambino con un ghiacciolo. “Saluti da ***. Sono a riva, vicino a una conchiglia, che ulula. C’è un granchietto, morto.”

Cartolina

Una barca nel porto; una schiera di ombrelloni; palazzi e condomini nuovi; un tramonto malinconico; un bambino con un ghiacciolo. “Saluti da ***. Sono a riva, vicino a una conchiglia, che ulula. C’è un granchietto, morto.”